La piazza più caratteristica della città. È lastricata secondo il sistema dell’acciottolato tipico di Albenga. Deve il suo nome ai tre leoni in pietra collocati nel XVI secolo  per motivi ornamentali da un membro della famiglia dei Costa proprietari delle abitazioni che si affacciavano sul sito. È sovrastata da un lato dall’abside della Cattedrale, d’altro spicca la casa Costa – Del Carretto di Balestrino, restaurata nel 1963 ed ora sede  della Casa canonica; si innalza da questa la torre dei Costa con la splendida merlatura ghibellina.
Chiude la piazza il palazzo Balestrino, uno dei pochi di Albenga edificato ex novo e non frutto di complessi accorpamenti. Risale al periodo del Rinascimento, è decorato al suo interno con busti e lapidi. Una di queste, di notevole valore storico, celebra la ricostruzione della città romana ad opera del generale Costanzo nel V secolo d. C..
Dal 1954, dopo il lascito alla Curia dell’ultimo erede dei Marchesi del Carretto di Balestrino, il palazzo è sede Vescovile. Dei Marchesi rimane sull’acciottolato di fronte all’ingresso del palazzo lo stemma con le lettere FOCDCMDB che il prof. Lamboglia ha così interpretato: Fecit Octavianus Costa De Carreto Marchio De Balestrino (Opera di Ottaviano Costa Del Carretto Marchese di Balestrino)

Fonte Comune di Albenga

Piazzetta dei Leoni